CITTÀ DEL VATICANO – Papa Francesco domenica ha espresso il suo dolore per la scoperta in Canada dei resti di 215 studenti indigeni nei collegi ecclesiastici e ha esortato le autorità religiose e politiche a sottolineare “questo triste problema”. Ma non ha offerto le scuse richieste dal primo ministro canadese.

Francesco, nelle dichiarazioni che ha rilasciato ai fedeli riuniti in piazza San Pietro, ha invitato anche le autorità a promuovere la guarigione, ma non ha fatto riferimento all’insistenza del primo ministro Justin Trudeau, due giorni fa, che il Vaticano si scusi e si assuma le proprie responsabilità.

Dal 19° secolo fino agli anni ’70, più di 150.000 bambini aborigeni furono costretti a frequentare scuole cristiane finanziate dallo stato, la maggior parte delle quali gestite da congregazioni missionarie cattoliche, in una campagna per assimilarli nella società canadese.

Il governo canadese ha riconosciuto che l’abuso fisico e sessuale è dilagante nelle scuole, con gli studenti che vengono picchiati per aver parlato la loro lingua madre.

Il mese scorso è stato utilizzato un radar penetrante nel terreno per confermare i resti dei bambini della Kamloops Indian Residential School a Kamloops, nella Columbia Britannica. La scuola era la più grande struttura del suo genere in Canada ed è stata gestita dalla Chiesa cattolica tra il 1890 e il 1969.

READ  Cratere gigante ingoia auto nel parcheggio dell'ospedale Al-Quds

“Seguo con dolore la notizia che arriva dal Canada circa l’inquietante ritrovamento dei resti di 215 bambini”, ha detto Francesco nel suo consueto intervento domenicale al pubblico.

“Mi unisco ai Vescovi canadesi e all’intera Chiesa cattolica in Canada nell’esprimere la mia vicinanza al popolo canadese che è sconvolto dalla notizia scioccante”, ha detto Francesco.

“Questa triste scoperta aumenta la consapevolezza dei dolori e del dolore del passato”, ha aggiunto.

Trudeau venerdì ha criticato la chiesa per essere “silenziosa” e “non inasprita”, e l’ha invitata a scusarsi formalmente e a compensare il suo ruolo di primo piano nell’ex sistema nazionale di collegi aborigeni gestiti dalla chiesa.

Ha notato che quando ha incontrato Francesco in Vaticano nel 2017, gli ha chiesto di “andare avanti con le scuse” e rendere disponibili i documenti. Ma Trudeau ha detto: “Continuiamo a vedere resistenza dalla chiesa, forse dalla chiesa in Canada”.

Il presidente Rosanne Casimir di Tk’emlups te Secwepemc First Nation nella Columbia Britannica ha affermato che il suo paese vuole scuse pubbliche dalla Chiesa cattolica. Ha anche detto che i Missionari Oblati di Maria Immacolata, che gestisce quasi la metà dei collegi canadesi, non hanno ancora pubblicato alcun documento su Kamloops.

I commenti di Francesco parlavano di guarigione ma non di scuse.

“Spero che le autorità politiche e religiose continuino a collaborare con determinazione per far luce su questa triste questione e ad impegnarsi umilmente nel cammino della riconciliazione e della guarigione”, ha detto Francesco.

READ  Il capo della "famiglia più numerosa del mondo" è morto all'età di 76 anni

“Questi momenti difficili rappresentano un forte invito a prendere le distanze dal paradigma coloniale e dal colonialismo ideologico di oggi e a camminare mano nella mano nel dialogo, nel rispetto reciproco e nel riconoscimento dei diritti e dei valori culturali di tutte le figlie e i figli del Canada”, disse il Papa.

“Affidiamo al Signore le anime di tutti questi bambini morti in collegi in Canada”, ha aggiunto il Papa. “Preghiamo per le famiglie e le comunità indigene canadesi afflitte dal dolore”. Poi Francesco ha chiesto al pubblico nella piazza sotto la sua finestra di unirsi a lui in una preghiera silenziosa.

La scorsa settimana un portavoce vaticano non ha risposto alle richieste di commento sulle richieste del papa di scuse ufficiali.

Mercoledì, l’arcivescovo di Vancouver, Michael Miller, ha twittato le sue “profonde scuse e le più sentite condoglianze alle famiglie e alle comunità devastate da questa orribile notizia”. L’ecclesiastico, che guida i cattolici in quell’arcidiocesi della British Columbia, ha aggiunto che la chiesa si è “indubbiamente sbagliata nel portare avanti una politica coloniale di governo che ha portato alla devastazione di bambini, famiglie e comunità”.

Le chiese unita, presbiteriana e anglicana si sono scusate per il loro ruolo negli abusi, così come il governo canadese, che ha offerto riparazioni.

Tra le molte raccomandazioni della Commissione per la verità e la riconciliazione nominata dal governo c’è una scusa papale.

Nel 2009, Papa Benedetto XVI ha incontrato ex studenti e sopravvissuti e ha raccontato loro la sua “sofferenza personale” dalla loro sofferenza. Ma le sue parole non si qualificavano come scuse.

Leggi o condividi questa storia: https://www.detroitnews.com/story/news/world/2021/06/06/indigenous-deaths-canada-pope-apology/116853948/